Fatica cronica, stanchezza surrenale, cortisolo, melatonina

Cortisolo, ritmo circadiano, stress, stanchezza surrenale, attivazione pineale e melatonina

9 settembre 2013

Se vi sentite spesso stanchi, non riuscite a riposare come vorreste, vi svegliate affaticati, dopo i pasti registrate sonnolenza, fate fatica ad addormentarvi la sera e vorreste sempre dormire, vi consiglio di leggere quanto segue.

Il cortisolo

Il cortisolo influenza il metabolismo dei carboidrati, dei grassi e delle proteine. Se c’è un eccesso di produzione di cortisolo, nel tempo questo può provocare disturbi e problemi di ordine metabolico. Il cortisolo è catabolico in natura, cioè scompone cose (le “distrugge”). Inoltre, il cortisolo è un ormone “glicemico” nel senso che può aumentare i livelli di zucchero nel sangue in vari modi, come la produzione di glucosio nel fegato (gluconeogenesi). Il cortisolo può anche ridurre la capacità di utilizzare il glucosio attraverso i tessuti periferici infatti è possibile avere un effetto anti-insulinico.

Come viene prodotto il cortisolo?

L’ipotalamo butta fuori l’ormone di rilascio corticotropina che stimola la ghiandola pituitaria (ipofisi) a produrre ACTH che a sua volta stimola le ghiandole surrenali a produrre cortisolo.

Infiammazione ed infezioni

L’infiammazione e le infezioni impattano sulla produzione di cortisolo poiché inviano segnali di input in presenza di neurochimici e citochine all’ipotalamo ed utili a determinare i segnali di output del cortisolo. Un eccesso di input bloccanti o liberatori impatta profondamente producendo un importante effetto “limitante”. Ci sono due modi in cui questa interferenza può risultare in una disfunzione surrenale: producendo troppo cortisolo o non abbastanza.

Come abbiamo già detto, il cortisolo è un ormone catabolico. Per cui è frequente vedere soggetti con livelli glicemici piuttosto alti (pre-diabetici) che dimagriscono continuamente (con problemi di malassorbimento) o che comunque non riescono a prendere peso nonostante diete nutrienti e bilanciate.

Le ghiandole surrenali

Si parla spesso si stress e stanchezza surrenale, pensando che siano le ghiandole surrenali le dirette responsabili di questa stanchezza, quando in effetti non è spesso così. Per cui, nonostante a questi soggetti vengano somministrate dosi importanti di corteccia surrenale, i pazienti non registrano alcun miglioramento. Questo perché il problema è nei meccanismi cerebrali. Per cui questa disfunzione risiede in un sistema di segnalazione difettoso alle ghiandole surrenali oppure in una cattiva integrazione del ritmo surrenale (cortisolo).

Le ghiandole surrenali sono “solo” una fabbrica, che fa quello che gli viene ordinato di fare dal cervello.

Asse HPA

Queste sono le 4 aree del cervello che sono coinvolte nella regolazione delle funzioni surrenali:

Accesso surrenale ipotalamico-pituitario che praticamente controlla le quantità di cortisolo prodotte a qualsiasi ora del giorno e della notte;

Ippocampo che controlla e regola i ritmi del cortisolo (ritmi circadiani);

Mesencefalo (o “cervello medio”) una parte piuttosto primitiva del cervello;

Ghiandola pineale che (in parole semplici) controlla l’equilibrio tra cortisolo e melatonina

Disfunzioni surrenali

Le 3 fasi della disfunzione surrenale sono:

reazione allarmata (cortisolo e DHEA elevati): le ghiandole surrenali diventano iperattive per aumentare i livelli di cortisolo per adattarsi alla presenza di stress;

fase di resistenza (cortisolo elevato e DHEA basso): questo accade in risposta a stress prolungato visto che il corpo “ruba” pregnenolone dal colesterolo per produrre più cortisolo. Normalmente, il pregnenolone aiuta a produrre gli ormoni sessuali come il progesterone ed il testosterone. Come risultato di “pregnenolone rubato”, si verificano squilibri ormonali. Comunemente infertilità, menopausa maschile e sindrome dell’ovaio policistico;

fase di esaurimento (cortisolo basso e DHEA basso): a questo punto le surrenali sono esauste e non possono più adattarsi allo stress. I co-fattori necessari per produrre cortisolo vengono a mancare ed i livelli si abbassano troppo. Poiché le surrenali non producono più cortisolo sufficiente, il ciclo del “pregnenolone rubato” si interrompe.

Quali sono le cause potenziali di un esaurimento surrenale?

  • infezione o infiammazione (con conseguente riduzione dei segnali di output dell’ipotalamo)
  • tumore
  • brusca interruzione della somministrazione prolungata di steroidi
  • bassi livelli di colesterolo (per utilizzo di statine, ad esempio)
  • problemi autoimmuni
  • stress cronico (da diete squilibrate con consumo eccessivo di zuccheri, sovrallenamento, troppa caffeina, etc. …).

Stanchezza surrenale, paleo diete e gluconeogenesi

Quando c’è stanchezza surrenale nel fegato non si verifica la gluconeogenesi, per cui chi ha stanchezza surrenale e segue una paleo dieta (o peggio ancora una dieta Atkins) all’inizio farà molta fatica, se non prenderà i provvedimenti necessari per supportare le ghiandole surrenali in questa fase.

Cosa non fare in questi casi:

  • saltare la colazione
  • fare una colazione a base di carboidrati
  • saltare pasti
  • digiunare (compreso il digiuno intermittente)
  • consumare carboidrati al risveglio e prima di andare a letto (anche frutta)
  • sottoporsi a sforzi intensi o sovrallenamento
  • consumare cereali e glutine
  • consumare legumi
  • consumare amidacei come le patate (anche dolci)
  • consumare prodotti raffinati in qualsiasi forma ricchi di zuccheri e conservanti
  • consumare una dieta vegetariana o vegana (che sarà inevitabilmente a base di carboidrati)

Disfunzione del ritmo circadiano e del cortisolo

Questa è la disfunzione surrenale più comune. L’ippocampo è la parte del cervello che mitiga il nostro stress dove si trovano i più grandi depositi di recettori del cortisolo.

L’ippocampo non è stato “disegnato” per rispondere continuamente allo stress, ma per farlo quando si ha realmente necessità (quando affrontiamo un grave problema o un trauma). Quello che accade oggi a molti di noi è cheviviamo continuamente in questo stato di stress dove l’ippocampo è chiamato in causa a qualsiasi ora del giorno e della notte senza (quasi) mai rimanere in uno stato di relax.

Questo è abbastanza pericoloso poiché il cortisolo è un ormone catabolico che come abbiamo detto, “distrugge” e non rigenera.

Questa parte del cervello è responsabile per la memoria corta e lunga, che ci aiuta ad imparare, ed è anche la prima parte del cervello che distrugge l’Alzheimer e la demenza.

Per cui i sintomi derivanti da una disfunzione del ritmo circadiano sono:

  • difficoltà a prendere sonno
  • problemi a restare svegli
  • cali di energia durante il pomeriggio o in orari strani del giorno
  • difficoltà ad alzarsi la mattina
  • problemi di memoria ed apprendimento

Se questa situazione si protrae nel tempo può anche portare a sviluppare malattie cardiovascolari, problemi gastrointestinali poiché queste attività (ritmo circadiano) sono molto importanti per coordinare la motilità intestinale. Sono anche importanti per coordinare e regolare la funzione immunitaria.

Le possibile cause della degenerazione ippocampale sono:

stress cronico;

eccesso di zuccheri / amidacei nella dieta (disglicemia);

neuroinfiammazione cronica dovuta a presenza di antigeni (glutine, per esempio);

cattiva digestione che porta a carenza di vitamina B e alti livelli di omocisteina (ed infiammazione);

carenza di omega-3.

Attivazione pineale e melatonina

Melatonina e cortisolo sono sempre in opposizione l’una all’altro. Se la melatonina aumenta, il cortisolo diminuisce, se il cortisolo aumenta, la melatonina diminuisce.

Equilibrio melatonina cortisolo

La ghiandola pineale che produce melatonina è influenzata dal nucleo soprachiasmatico che regola il ritmo circadiano. Ma nella gran parte dei casi è il cortisolo che disturba la produzione di melatonina, a causa dell’iperattivismo tipico dei tempi moderni.

Un sonno disturbato mina questo equilibrio che nel lungo periodo limita la funzione immunitaria. Questo squilibrio può dipendere da vari motivi. Può essere stagionale, oppure può svilupparsi in soggetti che non si espongono sufficientemente alla luce del sole (lavorano tutto il giorno in ufficio con luci artificiali).

Disfunzioni pineali possono poi provocare la sindrome metabolica (problemi di peso) ecco perché dormire adeguatamente è fondamentale per la nostra salute.

Ovviamente se siete carenti di melatonina, il sonno sarà piuttosto disturbato e questo provocherà l’impossibilità di sognare durante la fase di riposo (fase REM). Come conseguenza, il sistema immunitario si indebolirà.

Teoricamente, la melatonina stimola il sistema immunitario in quanto è proinfiammatoria in natura (mentre il cortisolo è antiinfiammatorio in natura). Nessuno dei due è migliore degli altri, melatonina e cortisolo devono mantenere un equilibrio costante perché tutto funzioni al meglio.

Quindi, che impatto avrà la somministrazione di melatonina per via orale sul nostro sistema endocrino?

Ogni volta che assumiamo un ormone endogeno, stiamo scombinando il sistema di feedback e di comunicazione. Ogni volta che prendiamo ormoni stiamo attivamente sabotando l’integrità ipotalamico-pituitaria. Se assumete melatonina saltuariamente, magari per superare il fuso orario da viaggio, non è un gran problema, ma chi la assume con regolarità e per lungo tempo rischia di creare danni notevoli al proprio sistema di comunicazione interno.

Nel prossimo articolo vedremo quali sono i sintomi più comuni della disfunzione surrenale, quali esami effettuare per arrivare ad una diagnosi corretta, quali cibi consumare e quali nutrienti integrare per risolvere il problema.

Fonte: http://www.codicepaleo.com/cortisolo/

oOo

Stanchezza surrenale, fatica cronica e cortisolo: sintomi, test per la diagnosi, dieta, stile di vita ed integrazioni

10 settembre 2013

Sebbene la stanchezza surrenale (fatica cronica) sia un termine comune per descrivere bassi livelli di cortisolo, ci sono altre cose da sapere.

Secondo lo studio “Diagnosis and treatment of Hypotalamic-Pituitary-Adrenal (HPA) Axis Dysfunction in Patients with Chronic Fatigue Syndrome (CFS) and Fibromyalgia (FM)il dr. Kent Holtorf sospetta che un Asse HPA pigro (comunicazione dall’ipotalamo, alla ghiandola pituitaria, alle ghiandole surrenali) sia il problema, anche se l’esatta disfunzione non è conosciuta. Per cui, una gran parte di pazienti con problemi alla tiroide si trova a registrare un ipofunzionamento delle ghiandole surrenali, con conseguenti bassi livelli di cortisolo che complicano la loro condizione di ipotiroidismo.

Tra i sintomi più comuni in chi ha problemi di cortisolo (alcuni sono simili sia per carenza od eccesso) sono:

  • non sentirsi riposati al risveglio (se richiedete cortisolo quando state dormendo significa che non state “ricostruendo e rigenerando” come dovreste. E’ inoltre praticamente impossibile recuperare dopo l’attività fisica);
  • aumento o perdita anormale di peso a causa di insulino-resistenza;
  • senso di affaticamento dopo i pasti a causa dell’insulino-resistenza;
  • livelli cronici elevati di glucosio (glicemia alta);
  • molta energia nervosa;
  • insonnia o sonno molto disturbato;
  • problemi al tratto gastrointestinale (in presenza di troppo o troppo poco cortisolo l’intestino spazza via gli anticorpi secretori Iga, che sono la prima difesa del sistema immunitario nell’intestino con disbiosi e aumentata permeabilità intestinale – leaky gut syndrome. Molto frequenti intolleranza al glutine e celiachia);
  • problemi di apprendimento e memoria;
  • un eccesso di cortisolo può deprimere i livelli di tiroide T3 poiché sopprime un enzima responsabile della conversione da T4 a T3;
  • desiderio di consumare zuccheri e caffeina (il cortisolo è un ormone degli zuccheri del sangue, è disegnato per modulare ed aumentare i livelli di zucchero nel sangue quando ne abbiamo bisogno. Possiamo seguire anche una perfetta paleo dieta chetogenica, ma se i livelli di cortisolo sono bassi e c’è la necessità di generare del glucosio, è assai possibile che non ne saremo “capaci” se c’è qualcosa che limita il segnale di output dell’ipotalamo, come ad esempio un’infezione virale – parassitica).

Una lista più completa con i sintomi da cortisolo basso e alto è disponibile in questa pagina.

Altri sintomi da cortisolo basso sono: 

  • fatica cronica
  • bassa tolleranza al freddo e allo stress
  • cattiva circolazione
  • ipoglicemia
  • voglia di consumare zuccheri e caffeina
  • bassa pressione
  • apatia o depressione
  • poca energia
  • dolori alle articolazioni
  • debolezza muscolare
  • continuo bisogno di dormire
  • poca resistenza alle infezioni
  • temperatura corporea troppo bassa

Test da fare a casa per la stanchezza surrenale

Se vi ritrovate in alcuni dei sintomi riportati, siete spesso stanchi e fate fatica a prendere sonno, potete eseguire almeno uno dei testi illustrati di seguito per verificare lo stato di salute delle vostre ghiandole surrenali.

Test della temperatura corporea

Con questo semplice test è possibile determinare la condizione della tiroide e delle ghiandole surrenali, misurando la temperatura corporea 3 volte al giorno per almeno 5 o 6 giorni consecutivi.

La prima misurazione (con un termometro, possibilmente al mercurio mantenendolo per 5-7 minuti sotto la lingua o 10 minuti sotto l’ascella) dopo 3, 6 e 9 ore dal risveglio mattutino per un totale di 3 rilievi giornalieri. Se all’ora della rilevazione, avete appena mangiato o fatto attività fisica, attendete 20 minuti prima di procedere con la misurazione. Alla fine di ogni giornata, calcolate la temperatura media delle 3 misurazioni. Se la temperatura media tra un giorno e l’altro oscilla di almeno 0,1 °C, è molto probabile che ci sia una qualche disfunzione surrenale.

Test della pressione sanguigna

Per questo test, serve uno sfigmomanometro (e qualcuno che sappia utilizzarlo). Rimanete seduti o distesi per almeno 5 minuti e poi procedete alla prima misurazione della pressione restando sempre seduti o distesi. Quindi alzatevi di scatto e misurate nuovamente la pressione (rimanendo in piedi). In soggetti con ghiandole surrenali sane, la pressione sanguigna della seconda rilevazione aumenterà di 10-20 punti a seguito della spinta per far arrivare il sangue al cervello. O almeno, rimarrà uguale alla prima misurazione. Se invece la pressione diminuisce nella seconda rilevazione (in piedi), è molto probabile che le vostre ghiandole surrenali si siano “impigrite”. Il test risulta più affidabile se effettuato al mattino.

A questo punto, se vi ritrovate nei sintomi da stanchezza surrenale e uno dei test proposti risulta “positivo”, è opportuno procedere con esami scientificamente più attendibili.

Il test del cortisolo ematico è assolutamente inutile

La medicina convenzionale solitamente è in grado di diagnosticare la sindrome di Cushing (eccesso di cortisolo) e la malattia di Addison (carenza di cortisolo), ovvero quando ormai la situazione è quasi irreparabile. Ma tra una funzione surrenale perfettamente sana e le malattie summenzionate, c’è una grande popolazione di persone (“sane” per la scienza ma “malate” de facto, spesso catalogate come depresse) che vive come in un limbo e che soffre di questa sindrome moderna, la “stanchezza surrenale” (o fatica cronica) che i normali test non riescono ad individuare.

Gli ormoni sierici sono legati alle proteine al 99% (e quindi non disponibili) per cui non è possibile vedere quello a cui ha veramente accesso il nostro corpo. Anche quando viene effettuato il test con frazione libera che mostra quanto ACTH è disponibile, in realtà è come guardare solamente un fermo immagine di un film intero.

In definitiva, con il test del cortisolo ematico (prelievo del sangue al mattino ed alla sera), i vostri risultati potrebbero essere perfetti (come spesso accade) ma in realtà nascondere una serie di problematiche (soprattutto in presenza di sintomi come stanchezza cronica, difficoltà ad addormentarsi e così via) non rilevabili con questo test.

Per avere una situazione più chiara sulla vostra produzione di cortisolo, il test più indicato risulta essere l’ASI (Adrenal Stress Index), test che prevede da 4 a 6 prelievi salivari nell’arco delle 24 ore (vedi paragrafo sotto).

Il test più affidabile: Adrenal Stress Index (ASI)

Ovvero, il tampone salivare del cortisolo nelle 24 ore. Questo test è semplice e non invasivo e si può ordinare direttamente a casa (in Italia, si deve!), senza la necessità di prescrizione medica. Prima di farlo però, è importante far trascorrere almeno 15 giorni nel caso in cui stiate assumendo integratori stimolanti per le ghiandole surrenali (tipo corteccia surrenale, ormoni come il DHEA o erbe adattogene come Ashwagandha).

La bellezza di questo test è che prende in considerazione i livelli di cortisolo libero e disponibile, cosa che il test ematico non fa. Inoltre prevede da 4 a 6 prelievi durante il giorno permettendo di capire con esattezza l’intero ciclo surrenale durante il giorno. Il giorno prima di effettuare il test, può essere d’aiuto bere molto acqua. Durante il test, tenete un limone a portata di mano che “snifferete” per aiutarvi a produrre sufficiente saliva per riempire una boccetta (ci vogliono circa 20-30 minuti di “sputi” per riempire ogni boccetta).

Se durante il prelievo di saliva dovete interrompere per qualche motivo, congelate la boccetta e riprendete il giorno successivo. Il campione dovrà poi essere spedito immediatamente e recapitato entro il giorno successivo assicurandosi che venga consegnato (se possibile) in giornata o nelle 24 ore successive per evitare il deterioramento della saliva con conseguenti risultati del test falsati.

Per quello che ne so, non mi risulta che questo test sia disponibile in Italia. Se così non fosse, vi sarei grato se poteste farmelo sapere in modo da rendere tale informazione disponibile sul blog a chiunque la stia cercando. Tuttavia ho recentemente scoperto che è possibile effettuarlo tramite un laboratorio in Germania (non preoccupatevi, vi spediranno il kit che dovrete rimandere indietro con i campioni di saliva). Siccome il sito è in tedesco, vi riporto il link alle istruzioni in italiano.  Purtroppo, molti medici non sanno neppure dell’esistenza di questo test. Per cui in questi casi, il sano fai-da-te può essere necessario.

Come interpretare i risultati dell’ASI Test

Va da sé che quando si ha a che fare con la propria salute ed in particolare con il nostro sistema endocrino, non si può certo improvvisare la terapia. Il rischio di creare danni irreparabili è elevato. Quello che sto per scrivervi è ciò che potrebbe essere il risultato “normale” di un test salivare in soggetti con funzione HPA / surrenale sana:

  • Prelievo delle 8.00: valori al top del range per aiutarvi a svegliarvi belli freschi
  • Prelievo delle 11.00-12.00: valori nel quarto superiore ma non così alti come al mattino
  • Prelievo delle 16.00-17.00: valori a metà del range
  • Prelievo delle 23.00-00.00: al minimo del range (tipo 1 in una scala 1-4) per aiutarvi ad addormentarvi.

Solitamente è lo stesso laboratorio che somministra il test a darvi indicazioni sui risultati dell’esame.

Altri test da effettuare (se li trovate, i primi 2) utili per la diagnosi dei livelli di cortisolo e stanchezza surrenale:

Cyrex test (l’unico test attendibile su anticorpi ed intolleranze alimentari)

GI Metametrix

– Glicemia, emoglobina glicata, (magari comprarsi un glucometro può essere utile), Proteina C Reattiva, omocisteina e colesterolo.

Come trattare le ghiandole surrenali

Prima di procedere con la lista dei possibili integratori e delle diete da seguire, ci tengo a precisare che non si tratta di una terapia ma semplicemente di quelli che possono essere gli integratori più efficaci ed i cibi più utili in questo tipo di patologia. Come sempre, solo un medico che conosce il vostro caso specifico saprà dirvi se e quali di questi potranno fare al caso vostro senza creare effetti collaterali. Per cui, astenetevi dal fare la spesa ed ingozzarvi con pillole e polverine di ogni tipo senza un consulto professionale.

Accorgimenti fondamentali per la dieta e lo stile di vita

I cibi che sceglierete di consumare sono fondamentali nel guarire da questo problema. Qualsiasi integrazione o altra strategia risulterà vana se mancherete di curare l’alimentazione come indicato nel protocollo sviluppato dal dr. Datis Kharrazian, uno dei massimo esperti sull’argomento cortisolo e stanchezza surrenale.

Consumare una colazione ricca di proteine (entro un’ora dal risveglio), grassi e con pochissimi carboidrati. Considerato che saranno passate molte ore dall’ultimo pasto è possibile che le ghiandole surrenali siano state chiamate in azione. In special modo se vi siete svegliati tra le 3 e le 4 del mattino. E’ quindi necessario “calmare” il sistema con un pasto a base di proteine, grassi e pochi carboidrati. Fare colazione in condizioni di disglicemia può risultare piuttosto difficile. E’ assolutamente possibile che vi alziate senza alcun appetito oppure addirittura con un senso di lieve nausea. Questo è un effetto collaterale degli ormoni surrenali che una tazza di caffè peggiora ulteriormente. E’ importante costringersi a mangiare anche poche proteine e grassi. Questo eliminerà il senso di nausea e stabilizzerà la glicemia entro 2-3 giorni (dopo cui non avrete più quel senso di nausea mattutino);

consumare piccoli pasti a base di proteine e grassi di qualità ogni 2-3 ore. L’obiettivo è quello di mantenere livelli di glicemia stabili, evitando che le ghiandole surrenali intervengano (producendo cortisolo) per bilanciare i livelli di zucchero nel sangue. Far passare troppo tempo tra un pasto e un altro esacerba i sintomi. Semi e noci, uova, carne, pesce o un frullato di proteine a basso contenuto di carboidrati sono alcuni esempi di snack da poter fare. Come la disglicemia migliora, potrete aumentare il tempo senza mangiare che intercorre tra un pasto e l’altro;

trovate il vostro limite massimo di tolleranza ai carboidrati e non superatelo. Una dieta ricca di carboidrati è la radice della disglicemia, oltre a scombinare il sistema ormonale provocando cattiva digestione ed un sistema immunitario indebolito. Per scoprire il limite di carboidrati, potete adottare questa regola. Se vi sentite assonnati o avete voglia di qualcosa di dolce dopo il pasto, significa che avete consumato troppi carboidrati. Se soffrite di insulino-resistenza, è probabile che vi sentiate stanchi dopo il pasto anche se non avete consumato alcun carboidrato. In questo caso, l’alimentazione non basta e dovrete affidarvi ad un bravo medico che possa prescrivervi alcuni nutrienti (come cromio, ALA, magnesio, zinco ed altro ancora) da assumere sotto forma di integratori. Infine, anche le intolleranze a certi cibi possono causare senso di fatica e desiderio di consumare zuccheri dopo il pasto;

non consumare dolci o cibi zuccherini (anche la frutta) prima di andare a dormire. Questa è una delle cose peggiori che una persona ipoglicemica possa fare. I livelli di zucchero crolleranno durante la notte prima del prossimo pasto (colazione) ed è molto probabile che le ghiandole surrenali debbano entrare in azione (per ripristinare i livelli di glucosio nel sangue) causando un senso di spossatezza al mattino od un risveglio alle 3 del mattino con un senso di ansietà;

evitare tutti gli stimolanti surrenali. Per molte persone questo significa caffeina, incluso caffè decaffeinato, nicotina, alcool, istamina, sovrallenamento. L’unica eccezione è il tè verde che può aiutare le persone con insulino-resistenza;

consumare una dieta ricca di vegetali, carni e grassi di qualità. Vi suona familiare con una certa paleo dieta?;

eliminare parassiti ed agenti tossici. Parassiti, patogeni, infezioni e metalli pesanti (amalgame nei denti, ad esempio) possono influire sulla salute del sistema immunitario in un modo che abbia impatto sui livelli di zucchero nel sangue;

eliminare tutti quei prodotti che contengono sostanze (come il glutine) che provocano una reazione autoimmune. Nel caso del glutine, non solo nel cibo ma anche in saponi, cosmetici, shampoo e lozioni. Se ciò non è sufficiente, provare con il protocollo autoimmune (per almeno 30 giorni) eliminando dalla propria dieta uova, semi, noci e solanacee (pomodori, melanzane, peperoni);

eliminare dalla dieta tutti gli alimenti indesiderati come cereali (anche il riso), patate (ed altri amidi), legumi, latticini, tutti i cibi raffinati, tutte le fonti di zucchero raffinato e non (frutta inclusa, ad eccezione di un consumo occasionale di qualche mirtillo, lampone e ribes), succhi di frutta, tutti i cibi modificati geneticamente, tutte le forme di soia, oli vegetali idrogenati, sali raffinati, pesce allevato o pescato nei mari dell’emisfero Nord oceanico (troppo inquinato);

non intrattenetevi davanti ad uno schermo luminoso fino a tardi (sopprime la produzione di melatonina);

prendetevi un periodo di vacanza quando potete;

spendete tempo fuori con gli amici e le persone a cui volete bene;

meditate, fate yoga;

attività fisica moderata (l’attività fisica intensa esacerba i sintomi) a ritmo blando come camminare;

riposo adeguato e gestione dello stress.

Cosa mangiare?

  •  carne alimentata ad erba o biologica (se possibile);
  • pesce selvaggio fresco da mari locali e se possibile poco contaminati (Mediterraneo ed emisfero Sud dell’oceano);
  • verdure da agricoltura biologica da consumare crude, cotte o fermentate. Con enfasi sui vegetali ricchi di zolfo come broccoli, cavolfiore, asparagi, cavoletti di Bruxelles, aglio, cipolle, porri e così via;
  • tutto il grasso che volete (se possibile di origine biologica) come olio d’oliva, olio di cocco, latte di cocco, grasso d’anatra, sego, avocado, olive, noci, ghee, etc. ;
  • frutta al minimo, concedendosi occasionalmente qualche mirtillo, lampone, ribes, fragole;
  • condimenti come aceto di mele, sale rosa dell’Himalaya o sale integrale dell’Atlantico, aceto balsamico di qualità (senza amido di mais e zucchero o prodotti raffinati come la glassa);
  • se proprio avete bisogno (ogni tanto) di sentire qualcosa di dolce, utilizzate la stevia;
  • acqua filtrata / purificata;
  • noci brasiliane (ricche di vitamina E e selenio che aiutano a riciclare livelli di glutatione più facilmente) “attivate“.

Integratori ad hoc

  • Vitamina C. Le ghiandole surrenali (in particolare corteccia e midollo) contengono la maggiore quantità di vitamina C del corpo;
  • vitamine del gruppo B. Cruciali per ottimizzare la funzione surrenale. In particolare B1 (tiamina), B2 (riboflavina), B3 (niacinamide), B5 (acido pantotenico), B12 ed altri donatori di metile (metilfolato, B6);
  • integratore a base di concentrato di curcumina per ridurre l’infiammazione;
  • Trans-resveratrolo in dosi concentrate. Questo integratore insieme alle capsule di curcuma è molto importante per limitare alcuni processi infiammatori molto dannosi;
  • magnesio ionizzato;
  • integrare con precurosi dell’Acetilcolina (tipo Alfa-glicerofosforicolina);
  • olio di pesce (gli omega-3 possono aiutare ad attenuare il cortisolo e l’insulino-resistenza) oppure Olio Antartico di Krill (se non siete allergici ai crostacei);
  • DHEA (alcuni sostengono che abbassi il cortisolo in soggetti con problemi di cortisolo basso, altri sostengono il contrario. Quando possibile, sempre meglio evitare di assumere ormoni);
  • olio di fegato di merluzzo (possibilmente fermentato);
  • NAC (Acetilcisteina), con dosi da 500-1000 mg per 2-3 volte al giorno. Questo vi aiuterà a produrre glutatione;
  • vitamina D;
  • Fosfatidilserina: presa solitamente prima di andare a dormire con una dose variabile da 300 a 1000 mg aiuta ad abbassare i livelli di cortisolo. Si tratta di un acido grasso che si trova nelle cellule del sistema immunitario e del cervello e nei tessuti muscolari. L’unico problema è che molti prodotti contengono soia. Uno dei peggiori alimenti possibili, soprattutto per chi ha problemi tiroidei. Esiste un prodotto che si chiama Seriphos che non contiene soia. Probabilmente ce ne saranno anche altri;
  • Ashwagandha (Withania Somnifera, che non è affatto un sonnifero!);
  • radice di Ginseng;
  • Rhodiola Rosea;
  • radice di Zenzero;
  • radice di liquirizia (glicirrizina), da assumere al mattino o nel primo pomeriggio (in assenza di pressione alta, diuretici, gravidanza, diabete, malattie cardiovascolari o renali, questa radice grazie al suo acido glicirrizico rappresenta un suppolrto naturale per le ghiandole surrenali poiché rallenta e può inibire la decomposizione del cortisolo nel fegato. Le quantità raccomandate variano da 300 mg a 500 mg al giorno. Visto però che non esistono studi che garantiscano la sicurezza di questa integrazione oltre le 6 settimane, meglio scegliere di sospendere l’assunzione di questa radice per 2 settimane ogni 6 di integrazione);
  • zinco (alcuni studi riportano che dosi da 25 mg a 50 mg abbassino i livelli di cortisolo anche a 4 ore dall’assunzione. Va preso ai pasti per proteggere la mucosa dello stomaco. Alcuni aggiungono anche 2-4 mg di rame poiché lo zinco può diminuire i livelli di rame);
  • Holy Basil o Basilico Sacro (l’Ocimum Tenuiflorum o Sanctum ha proprietà che abbassano i livelli di cortisolo e può anche aiutare nella regolazione della glicemia e funzionare come antiossidante);
  • Relora (è un estratto della corteccia delle piante officinali Magnolia e Phellondron Amurense. Quando assunta, la Relora può ridurre livelli alti di colesterolo, attaccandosi ai recettori del cortisolo che il corpo accetta come segno che non ha più bisogno di produrre ulteriore cortisolo).

Nei casi più “gravi”, si utilizzano somministrazioni di idrocortisone e cortisolo. In questi casi, servono medici molto preparati sull’argomento (cosa purtroppo non semplice da trovare) per evitare spiacevoli effetti collaterali.

Bibliografia

  1. Why do I still have thyroid symptoms when my lab tests are normal?” di Datis Kharrazian
  2. Stop the thyroid madness” di Janie Bowthorpe
  3. Primal Body, Primal Mind” di Nora Gedgaudas
  4. Ipotiroidismo: un’emergenza ignorata” di Raul Vergini

 

 Fonte: http://www.codicepaleo.com/stanchezza-surrenale/

 

Annunci

, , , , , , , , , , ,

  1. #1 di emanuele il 15 settembre 2014 - 12:00 PM

    ciao mi chiamo emanuele ;innanzitutto complimenti per l’articolo molto dettagliato e completo;ad ogni modo volevo chiederti :siccome manifesto tutti i sinotmi sopra elencati e riguardanti un eccesso di cortisolo ed essendo io vegetariano …se volessi provare la dieta adatta a ripristinare l’equilibrio del cortisolo(magari integrando il pesce nelle mia alimentazione) ;una volta che i sintomi sono spariti posso tronare a consumare carboidrati complessi e frutta ? essendo la base della mia alimentazione…

  2. #2 di Assunta il 15 gennaio 2017 - 12:49 PM

    Salve,il test del cortisolo salivare lo effettua il Laboratorio Merigen di Napoli (dovemi snoaervita personalmente) e il Laboratorio Trasimeno di Perugia.

  3. #3 di Jonathan il 5 marzo 2017 - 7:10 PM

    Ma quindi nella Clinica Merigen di Napoli, ci sono endocrinologi che si occupano del problema della stanchezza surrenale? O fanno solo il test saliva?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: